Navigation

Esenzione fiscale

L’esenzione fiscale (Freibeträge für Kinder) del minimo vitale di un figlio è garantita dal pagamento degli assegni familiari ovvero dalle detrazioni fiscali. Le detrazioni fiscali spettano incondizionatamente fino al compimento del 18° anno di età a tutti i genitori. Dopo il compimento del 18° anno di età tali detrazioni, a determinati presupposti,vengono concesse fino al 25° anno di età – ad esempio se il figlio frequenta un corso di formazione professionale.

La detrazione fiscale ammonta

  • a 4.788 euro per il 2018,
  • a 4.980 euro per il 2019 e
  • a 5.172 euro per il 2020.

La detrazione fiscale spetta nella misura del 50% a entrambi i genitori. Un genitore che accudisce da solo il figlio ha diritto, a determinate condizioni, all’intero importo della detrazione fiscale. Vi sono inoltre importi esentasse destinati all’assistenza, all’istruzione o alla formazione dei figli pari a complessivamente 2.640 euro all’anno. Anche questa esenzione spetta di regola a entrambi i genitori al 50%. Chi accudisce da solo un minore, può, su richiesta, farsi trasferire la quota dell’altro genitore.

Sulla concessione delle detrazioni per i figli decide l’Ufficio delle imposte (Finanzamt). Al momento dell’accertamento dell’imposta sul reddito, l’Ufficio delle imposte (Finanzamt) effettua una verifica di maggior convenienza. Se gli assegni familiari non raggiungono l’effetto fiscale delle detrazioni per i figli, queste vengono dedotte dal reddito,tenendo conto degli assegni
familiari già percepiti.

Ulteriori informazioni più dettagliate su singole prestazioni e sussidi sono riportate sul sito internet del Ministero Federale della Famiglia e sul Portale per le Famiglie. È possibile utilizzare anche la funzione ”Infotool” del Ministero Federale della Famiglia con cui, inserendo pochi dati, è possibile scoprire a quali prestazioni familiari si potrebbe avere diritto.